2014 in arrivo nuova stangata!

.

Viene spesso affermato nei vari telegiornali, il governo punta a diffondere un messaggio rassicurante che è quello legato a una minore pressione fiscale, fare in modo tale che nelle tasche delle persone entrino più soldi e il sistema economico italiano riparta, il 201 si chiude con varie dichiarazioni che parlano di una pressione fiscale che cala.

Enrico Letta ha scritto su Twitter poche e sintetiche righe dicendo che nel 2013 la pressione fiscale sulle famiglie è diminuita, un trand e una precisa volontà che è intenzionato a portare avanti anche nel 2014, se le cose fossero realmente così saremmo tutti contenti, tuttavia a questo punto è necessario andare e fondo e cercare di capire se è vero.

Per comprendere effettivamente se nel 2013 abbiamo pagato meno tasse si è ricorsi al parere di un editorialista del Sole 24 ore che si chiama Guido Gentili, in base alle sue affermazioni effettivamente nell’anno appena trascorso siamo stati sgravati dall’Imu sulla prima casa e questo ha rappresentato un risparmio.

Un risparmio complessivo calcolato per le famiglie nell’ordine dei 250 euro complessivi, tuttavia poichè ogni mese sono avvenuti più o meno degli aggiustamenti, il risparmio complessivo per una famiglia media in realtà è stato praticamente irrisorio, a testimonianza di una volontà di gravare meno sulle famiglie non corrisposta dai numeri.

Parlando invece del 2014 le prospettive in termini di sgravio fiscale delle famiglie non sono per nulla positive, il governo con la nuova legge di stabilità punta a un incremento delle entrate tributarie pari a 2.1 miliardi di euro, questo peserà notevolmente sulle tasche dei contribuenti.

Paradossalmente la parte legata alla tassazione sarà più elevata e non compensata a sufficienza dalla politica degli sgravi, infatti il governo dovrà anche intervenire sugli sgravi fiscali, operando un netto taglio anche su di questi, il 2014 si apre quindi con segnali non incoraggianti sul fronte fiscale.

Resta da vedere quali saranno gli impatti reali della legge di stabilità sulla fioca ripresa dalle quale si parla.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi