Bolla speculativa: di cosa si tratta?

.

Abbiamo spesso definito il mercato borsistico o il mercato in generale,  un mondo governato da leggi che sono quelle delle economie dei vari paesi, in un mercato ci sono una serie di dinamiche che in quanto tali possono essere spinte fino alle estreme conseguenze.

Per questo motivo interventi più o meno artificiosi nella economia reale di uno stato o nella economia reale mondiale, tendono a creare delle dinamiche di mercato che sono per loro stessa natura viziate, in pratica vengono stravolte una serie di logiche che in condizioni normali non avvengono.

Una opinione sempre più diffusa è quella attuale secondo la quale il mercato che adesso viviamo, stia attraversando una fase di completa sopravvalutazione in tutti gli asset, in motivo di tutto questo è legato al fatto che ad esempio il mercato statunitense sta sfruttando le politiche accomodanti della Federal Reserve.

Questa manovra accomodante fatta dalla Federal Reserve si è indubbiamente protratta al di là di quelle che sono le normali dinamiche dei mercati, per questo motivo un intervento fatto in maniera puntuale e tempestiva che è servito per arginare la crisi che ha travolto i mercati ha fatto ha dato benefici ma anche problemi.

I rendimenti molto bassi tenuti in maniera artificiale in qualsiasi settore della economia americana, hanno spinto gli investitori a cercare rendimenti sempre più alti, parliamo proprio in questo caso di una bolla, tuttavia a questo punto sorge spontanea una domanda, cos’è una bolla e da dove deriva questo termine?

Parliamo di un termine che compariva nei manuali di economia già 20 anni fa, un termine che possiamo provare a definire come tale, una condizione non naturale del mercato che per una serie di fattori interni o esterni al mercato medesimo, lo rende lontano da quelle logiche che lo dovrebbero governare.

Il termine bolla poi identifica nel mercato una condizione quasi patologia di squilibrio che per sua stessa natura sarà destinata ad esaurirsi con conseguenze imprevedibili.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi