Cina e economia: incognita 2014

.

L’economia cinese nel 2013 ha decisamente condizionato l’economia mondiale, in un sistema globalizzato come il nostro una economia come quella cinese in questi ultimi anni ha giocato un ruolo fondamentale, tuttavia per quanto il sistema economico sia ancora forte, non durerà in eterno.

L’applicazione di un sistema economico come quello cinese, con un capitalismo esasperato su modello occidentale in un paese nel quale il governo decisamente ha un controllo quasi asfissiante sulle vicende dei propri cittadini, non può che creare nel tempo degli squilibri che vanno governati.

Una economia che cresce troppo è un problema, nello stesso modo anche una economia che cresce troppo rapidamente può avere allo stesso modo dei problemi in termini di gestione della crescita stessa, per questo motivo è necessario ad un certo punto cercare di calmierare una crescita esasperata.

Il sistema cinese comincia ad avvertire qualche problema, lo dimostra il fatto che sia stata condotta una operazione dalla Banca Centrale di Pechino di immissione di liquidità, il termine tecnico per questa operazione è :” un-taper”. Come abbiamo già detto si tratta in pratica di una massiccia immissione di liquidi nelle banche, una operazione che solitamente viene fatta quando una economia inizia a manifestare dei segnali di inquietudine.

L’operazione è avvenuta in seguito a un segnale preciso, il tasso interbancario è salito al 9%, un chiaro ed evidente segnale del fatto che gli istituti bancari iniziano a manifestare dei segnali che vanno verso la mancanza di fiducia, oltre a questo denotano anche una volontà degli istituti di trattenere la maggior parte di liquidi.

Non si tratta di un segnale positivo, evidenzia decisamente dei problemi nella economia cinese, certamente è vero che ancora il tasso di crescita è molto alto in termini economici, parliamo di un tasso di crescita economica che sfiora l’8% all’anno, tuttavia questa crescita si basa sempre di più sul debito.

Unitamente a questo il governo cinese è impegnato in un piano di riforme che potrebbe rivelarsi una pillola molto amara per tutti i cittadini cinesi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi