DATI MACROECONOMICI DEL 07/06/2011

.

Riportiamo di seguito i dati macro-economici della giornata anche se poco movimentata da questo punto di vista. Trepidante attesa, invece, per il discorso di Ben Bernanke, per le 9 ora italiana, relativo all’andamento dell’economia americana.

 

GIAPPONE

L´Ufficio di Gabinetto giapponese ha comunicato questa mattina il dato relativo all´leading index (l’indice anticipatore) che in aprile ha fatto segnare un calo a quota 96,4 dai 100,1 punti di marzo. Il dato è lievemente inferiore alle aspettative degli analisti che si aspettavano un indice pari a 96,5 punti.

ZONA EURO

L’Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea, ha stimato che nel mese di aprile le vendite al dettaglio sono cresciute dello 0,9% rispetto al mese precedente. In marzo erano calate dello 0,9%. Rispetto ad aprile 2010 sono aumentate dell’ 1,1%. Più nel dettaglio: i “prodotti alimentari, bevande e tabacco” sono aumentati dello 0,7%. Il settore non alimentare è aumentato dello 0,8%. Tra gli Stati membri per i quali sono disponibili dati, il volume delle vendite al dettaglio è aumentato in quindici Paesi, sceso in cinque ed è rimasto stabile in Lituania. I maggiori incrementi sono stati osservati in Danimarca (+4,3%), Estonia (+3,3%), Portogallo (+2,9%) e Lussemburgo (+2,5%), e le diminuzioni più nette a Malta (-2,8%), Romania (-1,8 %) e Lettonia (-1,0%). Rispetto all’aprile 2010, i “prodotti alimentari, bevande e tabacco” sono aumentati dell’1,2%. Il settore non alimentare è aumentato dell’1,8%. Tra gli Stati membri il dato è aumentato in tredici ed è diminuito in otto. I maggiori incrementi sono stati osservati in Estonia (+9,5%), Lussemburgo (+9,4%) e Lituania (+7,3%), e le diminuzioni più forti a Malta (-8,0%), Romania (-6,3%) e Portogallo (-4,0%).

GERMANIA

Gli ordinativi alle industrie nel mese di aprile sono cresciuti del 2,8% su base mensile a fronte di una crescita attesa del 2% e di una rilevazione precedente che aveva registrato una flessione di quattro punti percentuali. Su base annua gli ordini alle fabbriche hanno registrato una crescita del 10,5% a fronte di un´attesa del 9,1% e di un dato precedente del 9,7%.

USA

Sulla base dei dati forniti dal Redbook Research Index, si è appreso che nella prima settimana di giugno, le vendite al dettaglio nelle maggiori catene Usa sono aumentate dell´1,3% rispetto a maggio. L´incremento è ancora più corposo in confronto allo stesso periodo dello scorso anno, rispetto al quale si è avuto un rialzo del 4,2%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi