Fiat a Detroit o a Torino ?

.

Cari amici lettori,
i titoli bancari italiani continuano a scendere senza alcuna sosta complice una serie di motivazioni alcune delle quali sono già state ampiamente trattate negli scorsi post.
Diamo un’occhiata all’indice settoriale Ftse Mib It Bank che riguarda le banche quotate nell’indice principale del nostro listino. Il grafico la dice tutta e praticamente ci troviamo ai minimi: e come abbiamo sempre detto i titoli deboli non si comprano. Gli eventuali prossimi rialzi verranno considerati dei semplici rimbalzi e non delle inversione: chi ha la possibilità di shortare ( e vi confermo che molti brokers esteri lo consentono) considererà i prossimi rimbalzi come occasioni appunto per aprire delle nuove posizioni allo scoperto.

grafico del Ftse Bank

Un’altra piccola considerazione: mai come in questi giorni ho ricevuto tante richiesti di aiuto da parte di investitori disperati che hanno investito sul titolo Unicredit. E cio significa una sola cosa: che l’investitore medio italiano è ignorante (non nel senso offensivo ma dal latino ignoro che significa sconosce), non è molto formato in finanza ed non conosce i principi basi delle finanza. Si avvale inoltre di promoter finanziari truffaldini o direttori di Banca assolutamente incapaci.
Lasciamo perdere le polemiche.

Un’altra mazzata, simbolica, all’economia italiana che non risulta quindi per niente attrattiva. Il ceo di Fiat – Chrysler ha fatto capire la capitale dell’automobile italiana potrebbe non essere più a Torino ma potrebbe esser spostata, in un futuro non prossimo, a Detroit. Cosa significa: significa quello che sopra scritto e semplicemente che l’Italia non attrae e non attrarrà nel prossimo futuro nuovi capitali dall’Estero e non consoliderà quelli provenienti dall’interno paese. Le azioni Fiat risentono anche loro delle turbolenze finanziarie e si trovano praticamente alle quotazioni di 2 anni fa e, segnatevi quanto dirò, sotto la quotazione di 3,25 ieri avrà spazio per una ulteriore e pesante caduta. I cassettisti, cioè gli investitori che prendono delle azioni e le mettono in cassetto per tirarle fuori dopo alcuni anni, mi facciano il piacere di controllare i loro investimenti sulle azioni Fiat. Se le azioni dovessere scendere sotto la citata quota probabilmente vedranno eroso buona parte del loro capitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi