Fiat sale e Mps scende in Borsa

.

Amici lettori,
la Borsa è in totale confusione causa problematiche già viste e riviste nei precedenti post. Un giorno la performance globale è positiva, il giorno seguente è negativa. Il problema dei falsi segnali è quindi attualissimo.

Diamo subito un’occhiata all’indice Ftse Mib aggiornato al primo pomeriggio di oggi 3 aprile 2013 (in alto in evidenza). Come potete vedere vi è totale confusione, i grafici di tutte le azioni sono “sporchi” e l’analisi tecnica funziona a sprazzi.

Per quanto riguarda i singoli titoli ne volevo analizzare un paio. In particolare volevo mettere in evidenza quello che fa muovere i titoli azionari, cioè le news ed i rumors. Quest’ultimi sono di seconda mano e, quando vengono pubblicati, coloro che dovevano trarne profitto lo hanno già fatto. Le notizie poi sono manipolate ad hoc: significa in poche parole che le notizie vengono emanate secondo il punto di vista di coloro che hanno preso posizione. Facciamo degli esempi di trading poichè non è facile spiegare a parole quello che voglio dirvi.

Azioni Fiat: le azioni Fiat, dopo una serie di ribassi, oggi guadagnano più del 2 % e sono in controtendenza rispetto al resto del mercato. Dalle statistiche emanate dalle case automobilistiche il marchio torinese è l’unico che ha avuto un rialzo del 5 % in marzo rispetto allo stesso mese del marzo 2012. Ma sapete perchè? Perchè nel marzo 2012 vi è stato lo sciopero delle bisarche (cioè i mezzi che trasportano le autovetture da immatricolare) e quindi vi sono state ben poche immatricolazioni. Il periodo del 2013 quindi non poteva che essere superiore. La notizie è quindi artificiosa e chi lo sapeva sicuramente è andato in acquisto preventivamente.

Azioni Mps: le azioni Mps ieri sono arrivate a toccare un – 13 % in Borsa e solamente il salvataggio della Consob, che ha vietato le vendite allo scoperto nella giornata di ieri sul titolo bancario di Siena, ha riportato il titolo a – 2 %. Sicuramente qualcuno ben informato, ieri ha guadagnato la bellezza del 11 %!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi