Gli stress test 2014 bocciano Mps e Banca Carige

.

Gli stress test 2014 (speriamo non quelli del 2015) hanno avuto criteri particolarmente stringenti per sondare la resistenza delle Banche Europee a particolari scenari di crisi. Rispetto al passato, infatti, i presupposti per la promozione delle Banche Europee sono stati veramente alti e, tutto sommato, le banche Europee si sono comportate in maniera positiva. Per quanto riguarda la situazione italiana possiamo dirci assolutamente soddisfatti in considerazione del fatto che solamente 2 Istituti di Credito non hanno superato l’esame degli stress test 2014.

I nomi delle Banche bocciate sono stati ampiamente annunciati già alcuni giorni fa: si tratta di Mps (Monte dei Paschi di Siena) e Banca Carige (Cassa di Risparmio di Genova). Sui due titoli, se disponete di una semplice piattaforma di trading, ci sono stati dei movimenti anomali di prezzi proprio nella giornata di venerdì cioè quando si chiudevano i mercati in attesa dei risultati degli stress test. Pensate solamente che il titolo azionario Mps ha guadagnato oltre il 10 % del proprio valore arrivando alla soglia psicologica di 1 Euro mentre Banca Carige quasi il 4 %.

Dalla nostra esperienza possiamo dire che non è assolutamente opportuno investire in titoli azionari sulle quali possono uscire delle news positive o negative. Non sappiamo infatti come gli analisti finanziari possano valutare una determinata notizia. E’ possibile sicuramente fare degli eccezionali guadagni ma viceversa anche azzerare il proprio patrimonio.

Nella giornata di lunedì 27 ottobre 2014 quale sarà l’andamento delle due banche bocciate, cioè Mps e Carige? Andranno entrambe al ribasso visto la mancata promozione? La risposta è veramente complessa e non è assolutamente detto che il valore delle azioni dei due Istituti di Credito crolleranno anche alla luce delle super performance alle quali abbiamo assistito nella giornata di venerdì scorso.

Lasciamo stare al momento queste due titoli e poniamo l’attenzione su una manciata di titoli a basso rischio che abbiamo attentamente individuato in questo fine settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi