I traders con la mano mozza

.

Cari Amici lettori,
i traders continueranno ad operare con la mano mozza: il divieto delle vendite allo scoperto su titoli finanziari, assicurativi e del risparmio gestito è stato prorograto dalla Consob, con apposita delibera, sino al 15 gennaio 2012.

Il cambio del Governo c’è stato. Direi che anche la Consob potrebbe rinnovarsi! Forse non hanno capito che bloccare le vednite allo scoperto significa impedire ai piccoli traders di guadagnarsi la pagnotta ma non impedire il tracollo dei titoli. Basta guardare l’andamento dei titoli da agosto ad oggi… Naturalmente gli hedge fund continueranno ad aprire posizioni short rilevanti operando con piattaforme e brokers esteri!

Come inizierà la nuova settimana? Come apriranno i mercati alla luce delle news e dei rumors provenienti dal fronte politico?
Non lo sappiamo. Dobbiamo solo accodarci al trend che nascerà con decisione nei prossimi giorni. Avevamo detto che il nsotro indice è ancora imprigionato in una evidente congestione tra 14.800 e 16.000 punti. Solamente alla cedimento del supporto ed alla rottura della resistenza potremmo prendere posizione con decisione, rispettivamente, short e long. Abbiate pazienza e non anticipate il mercato: significherebbe restare con il cerino in mano.

Per quanto riguarda i singoli titoli ritengo che ci siano delle ottime opportunità sulle azioni italiane del Ftse Mib: ce ne sono alcune che abbiamo individuato con i nsotri segnali di trading.

Molti mi chiedono se Unicredit o Fiat abbiano raggiunto i minimi di periodo. Vi rispondo ancora una volta con un “non lo so”. Non riesco ancora a capire l’abitudine di molti trader a effettuare operazioni solamente su alcuni titoli che scelgono in base al nome perchè sono “titoli buoni”. I titoli tradabili nella Borsa italiana e internazionale sono centinaia: non vi resta che l’imbarazzo delle scelta. Un piccolo consiglio: quando scegliete i titoli azionari sfogliando i loro grafici, togliete il nome dell’azione dal grafico: vi aiuterà a fare delle scelte operative meno influenzate…

borsa e trading

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi