Il Fmi controlla le banche italiane

.

Il Fondo Monetario Internazionale ha effettuato da poco un’attenta analisi dell’economia del nostro paese ed ha quindi tirato le somme: l’Italia presenta indicazioni di stabilità rispetto al recente passato ma i pericoli non sono finiti, anzi. Sebbene la tenuta dei conti sia incoraggiante, il nostro PIL fatica a crescere. Nuovamente al ribasso sono le indicazioni del PIl (quasi – 2,00 % in costante discesa) e segnali positivi dovrebbero arrivare solamente alla fine del 2013. Ma abbiamo visto oramai da mesi che le date della ripresa vengono spostate sempre più avanti.

Uno dei problemi principali in Italia sono le Banche. Gli Istituti di Credito risultano ben capitalizzate dopo le recenti norme europee sul sistema bancario previsto da Basilea 3 ma i rischi permangono. Le nostre banche sono viste infatti come poco efficienti e questo non fa altro che aumentare la problematica del credito che assilla permanentemente le PMI italiane, cioè le piccole medie imprese.

Un buon sistema bancario non può altro che aiutare l’economia e gli investimenti delle Società Italiane. Il FMI ha detto che monitorerà in particolare la Monte dei Paschi di Siena dopo i problemi che sono recentemente emersi. Il MPS dovrà centrare tutti gli obiettivi indicati per ritornare ad essere una Banca utile anche alle nostre aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi