Il quoziente emozionale per il trading

.

Cari amici lettori,
lo sapevate che il trading di successo dipende anche dal nostro quoziente emozionale (EQ) che madre natura ci ha donato in maniera differente da individuo ad individuo?

Il quoziente emozionale è composto da cinque caratteristiche che ci permettono di fare trading in maniera più o meno profittevolmente sulle azioni eni e sulle azioni stm. Eccole:

MOTIVAZIONE: Penso di averne parlato abbastanza esplicitamente nell’ultimo post. Non è altro che la capacità di tirar fuori ed applicare il nostro entusiasmo, determinazione e sicurezza. Questa è una caratteristica dei campioni e dei vincenti. Senza motivazione, senza l’impulso che parte dal cervello tutto è vano. Un atteggiamento invece positivo ci porta verso la strada giusta. Anche il riconoscimento dei trade sbagliati con atteggiamento corretto e critico ci può portare a migliorare le nostre tecniche.

CONSAPEVOLEZZA DI Sè: è la capacità di riconoscere uno stato d’animo mentre si verifica. Dobbiamo cominciare ad imparare a riconoscere le nostre sensazioni e a separarle dalle opninioni. Quest’ultimo concetto è alla base per fare del trading intuitivo.

CAPACITà DI EMPATIA: significa immedesimarsi con il mercato, avere la capacità di entrare nella testa della gente per poter comprendere lo stato d’animo degli attori del mercato nel momento in cui operiamo perchè sappiamo che la Borsa non è un’entità astratta ma è un’insieme di persone che è governato dagli stati d’animo. Il comprendere le emozioni altrui non fa altro che semplificare il nostro lavoro di trader e portare dei vantaggi inimagginabili.

GESTIRE GLI STATI D’ANIMO: in particolare rabbia, frustrazione e distrazione. Quando subentrano questi stati d’animo nel trading è opportuno ristrutturarli e riddure significativamente la loro durata. Sono delle emozioni particolarmente complesse e possono portare ad ulteriori perdite del capitale. Le emozioni negative ci saranno sempre ma noi possiamo solamente limitarne la durata.

CONTROLLARE GLI IMPULSI: che vanno contro il tuo piano – obiettivo. Un esempio classico è la modifica dello stop loss durante un trade che comporta delle perdite. Il nostro obiettivo pianificato deve rimanere quello, lo stop loss (ad esempio) non deve essere modificato.

L’EQ ci viene donato da madre natura ma può anche venir formato con l’allenamento ed il serio impegno!

emozioni e trading

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi