IL SIGNIFICATO DEL PRICE/EARNINGS (P/E)

.

Con la dicitura Price/Earnings (P/E) che ritroviamo spesso nei maggiori quotidiani e siti internet di informazione economica finanziaria si intende il rapporto tra il prezzo pagato per un azione e l’utile per azione, chiamato anche Earning Per Share (EPS). Alternativamente, questo rapporto può essere anche calcolato dividendo la capitalizzazione di mercato del titolo per il suo utile netto totale annuo.

Ma vediamo due esempi banali:

  • un titolo che quota al prezzo di 10€ e che nell’anno passato ha avuto un EPS di 0,4€ avrà un P/E di 10/0,4 ovvero di 25;
  • in riferimento all’esempio precedente, se la società avesse emesso 100 azioni, vorrebbe dire che la sua capitalizzazione sarebbe di 10×100=1000 e il suo utile netto di 0,4×100=40. Quindi sapendo che il P/E si può anche calcolare come rapporto tra capitalizzazione e utile netto, si ottiene un P/E di 1000/40, ovvero di 25.

E’ un indicatore finanziario che comunemente viene utilizzato, quando ad esempio sono comparati P/E di società appartenenti a settori simili, per fare delle valutazioni: a P/E più elevati corrisponde un prezzo maggiore pagato dagli investitori per ogni unità (1€) di utile e quindi indica che un azione è più cara se paragonata ad altre con P/E più bassi.

Un’altra interpretazione del P/E potrebbe anche essere quella di intendere tale numero come il numero di anni necessari affinché venga ripagato l’investimento. In altre parole, tornando all’esempio precedente, un P/E di 25 starebbe a significare che ci vorrebbero 25 anni affinchè, dato un investimento di 10€, ci sia un ritorno di altrettanti 10€, infatti 25×0,4=10.

Attenzione però, navigando in siti e leggendo giornali diversi, si potrebbe notare come i valori del P/E possano non combaciare. Ciò è dovuto al fatto che esistono diversi modi con cui tale valore può essere calcolato, dipendenti dal tipo di variabile utilizzata a denominatore. Nonostante ciò quella più comunemente utilizzata è l’utile netto degli ultimi 12 mesi passati. Invece, modalità di calcolo alternative portano all’utilizzo, anziché dell’utile netto degli ultimi 12 mesi passati, del risultato operativo o stime dell’utile netto per i prossimi 12 mesi.

2 pensieri su “IL SIGNIFICATO DEL PRICE/EARNINGS (P/E)

  1. Complimenti per il sito, scusa Emanuele, esposizione molto chiara dell’argomento ma mi mette un po in confusione il punto in cui accenni all’interpretazione di quanti anni sono necessari al ritorno sull’investimento:
    Se P/E come abbiamo detto è il rapporto tra quotazione attuale dell’azione è suo utile netto per azione (EPS), mi aspetto che il prodotto tra i due mi riporti semplicemente al valore attuale della singola azione.
    Nell’esempio da te fatto, essendo l’EPS del 4% per azione a me risulta che riuscirei a tornare all’investimento iniziale in 18,1825 anni.
    Attendo tuo chiarimento, grazie

  2. Ciao,

    ho una domanda, non so se siete in grado di darmi una risposta, o se la mia domanda ha una risposta.

    Vorrei sapere quale è il calcolo esatto che viene fatto nel momento del rilascio delle chiusure del quadrimestre fiscale di un’ azienda per sapere l’ esatto prezzo di scambio di un’ azione.

    Dato che ogni volta che vengono rilasciati i quadrimestri fiscali il prezzo di scambio di un’ azione il giorno seguente ha delle variazioni notevoli, quindi io penso che c’è un calcolo che viene fatto per assestare il prezzo ad un determinato punto.

    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi