Investire negli etf che trattano l’acqua

.

 

Cari amici lettori,
diamo un’occhiata anche alle altre opportunità che ci sono nel mercato. Tempo fa avevamo parlato del grano, del gas naturale e del litio. In questo post, invece, parleremo dell’acqua: la materia prima per eccellenza.

Con le falde acquifere che si stanno prosciugando, la Cina sta cercando di rendere uguale la quantità d’acqua che si utilizza a quella delle scorte. Ha di fronte tre strade diverse: conservazione dell’acqua, deviazione dell’acqua dal sud del paese al nord, e importazione di grano. La deviazione dell’acqua dal sud al nord per trasportare l’acqua dal bacino del fiume Yangtze costerà decine di miliardi di dollari e costringerà centinaia di migliaia di persone a spostarsi. Un investimento pari a questo simile nell’ottimizzazione dell’utilizzo dell’acqua per l’industria l’ideazione di apparecchi casalinghi e per l’irrigazione più efficienti, produrrebbe probabilmente più acqua. Dal momento che ci vogliono 1.000 tonnellate d’acqua per produrre una tonnellata di cereali, importare grano è il modo migliore per limitare il consumo dell’acqua che sulla Terra è il 40 per cento in meno di trent’anni fa, e nel 2020 tre miliardi di persone resteranno senza questo bene primario. Il pianeta è rimasto a secco e, purtroppo, ce ne stiamo accorgendo troppo tardi. Sotto la spinta della crescita demografica e per effetto dell’inquinamento, le risorse idriche pro capite negli ultimi trent’anni si sono ridotte del 40 per cento.

Gli scienziati avvertono che, intorno al 2020, quando ad abitare la Terra saremo circa 8 miliardi, il numero delle persone senza accesso all’acqua potabile sarà di 3 miliardi circa. Le soluzioni prospettate finora per far fronte al problema hanno cercato di aumentare l’offerta, piuttosto che di contenere la domanda, rivelandosi però inefficaci: le grandi dighe sono al centro di dibattiti per gli alti costi umani e ambientali e per la razionalità ecologica, mentre la desalinizzazione, oltre ad avere costi economici proibitivi, presenta forti controindicazioni dal punto di vista ambientale ed energetico. Questi e altri stratagemmi mostrano tutti i loro limiti rispetto al complesso ecosistema del ciclo dell’acqua. Di fronte al fallimento della tecnica, aumentano le previsioni catastrofiche sulla battaglia planetaria che si scatenerà per l’accesso all'”oro blu” del XXI secolo. “Il whisky è per bere, l’acqua per combattersi”, sosteneva Mark Twain, e le tesi di osservatori internazionali, personalità politiche ed esperti di strategia sembrano confermare quella riflessione. Di fronte ai dati allarmantisullo stato delle risorse idriche del pianeta, la maggior parte degli esperti hanno dichiarato che “le guerre del ventunesimo secolo scoppieranno a causa delle dispute sull’accesso all’acqua“. Per questi motivi i titoli delle società che hanno a che fare con l’acqua rappresentano un’interessante opportunità di investimento nel lungo periodo. Indipendentemente dall’orientamento politico dei diversi governi, presto saranno necessari investimenti di dimensioni molto importanti per poter garantire le adeguate forniture idriche.

Sono oltre 800 le aziende specializzate nel settore e le stime degli analisti indicano un giro d’affari in crescita anche del 10% annuo per il prossimo decennio, con il conseguente apprezzamento delle azioni delle società quotate sui listini di tutto il mondo.

Coloro che credono nel prossimo innalzamento dei prezzi dell’acqua possono tener monitorato l’andamento di alcuni Etf che investono proprio su aziende che si occupano di acqua ed in particolare:

  • Lyxor Etf World Water con Isin  FR0010527275 (il cui grafico è postato in alto in evidenza).
  • Ishares S&P Global Water

Il primo Etf è quello più liquido ed è trattato anche da Piazza Affari. Chi ha accesso anche ad altri mercati, troverà ulteriori opportunità…

2 pensieri su “Investire negli etf che trattano l’acqua

  1. Ciao, interessante questo Lyxor.. ma mi hanno sempre sconsigliato gli ETF (hanno meno spese di gestione appunto per attrarre investitori ? ) .. Sarebbe in prospettiva di un investimento decennale o ventennale ?? Questo strumento in particolare ha a che fare con qualche sorta di derivato ??
    Grazie anticipatamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi