Moody’s declassa l’Italia e la Borsa in rialzo

.

Stanotte Moody’s ha declassato il rating dell’Italia portandolo sotto di ben tre livelli. Il rating italiano adesso è A2 al posto del precedente Aa2 e a cinque livelli dal cosidetto rating junk (spazzatura). E’ bene ricordare che Moody’s avevano declassato il nostro rating ben 20 anni fa e questo la dice lunga sulla difficile situazione economico – finanziaria (ma anche politica) del sistema italia.

E la Borsa italiana come ha reagito? La Borsa italiana ha reagito con il segno +, cioè tutto è oramai scontato. Se si dovesse tenere la positività di oggi fino in chiusura con buoni volumi, questo sarebbe il segnale per una buona ripartenza sempre nel breve. Ripeto ripartenza nel breve e non inversione di tendenza.

Dove potrebbe portare un eventuale movimento al rialzo nel breve? Non vorrei essere ripetitivo ma l’approdo è dapprima a 15.200 dell’indice italiano e successivamente a 16.000. Solamente con la rottura di quest’ultimo livello si potrebbe cominciare a parlare di vera ripartenza al rialzo. Prima è veramente prematuro.

Parlando della seduta odierna e al momento in cui vi scrivo i volumi sembrano al lumicino su quasi tutti i titoli. Ci vuole poco, in queste giornate, per passare dal segno positivo al segno negativo considerata l’estrema volatilità.

Questo tipo di mercato è particolarmente interessante per chi fa qualche operazione intraday. In questi momenti ci sono infatti molti gap up e down non di continuazione ma che vengono chiusi direttamente in giornata soprattutto (naturalmente sui titoli più liquidi) come, ad esempio, Eni ed Unicredit.
Come poter sfruttare questa volatilità pazzesca? Non seguite naturalmente l’esempio che vi indico ma molti si mettono long sui titoli più forti quando il mercato è a segno negativo e si mettono short sui titoli più deboli quando il mercato è positivo. Questo metodo consente buoni guadagni a rischio medio.
Molti altri, con tendenze suicide, fanno esattamente l’opposto incassando invece grosse perdite!

borsa in rialzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi