Oops rialzista e oops ribassista di Larry Williams

.

Cari amici lettori,
massima confusione su tutti i mercati azionari in attesa di news e rumors provenienti dalla Grecia. Forti gap down e gap up presenti sull’indice italiano e su molti titoli che lo compongono. Vi segnalo un buon pattern per chi vuole sfruttare le opportunità fornite dai gap.

Oops rialzista e oops ribassista di Larry Williams

L’ oops rialzista e l’ oops ribassista sono dei pattern di Larry Williams che si concretizzano a determinate condizioni ed in particolare quando vi sono presenti dei gap. L’ oops rialzista e l’ oops ribassista sono dei pattern instabili, devono essere usati da chi ha una particolare esperienza nel trading e devono essere utilizzati in ottica intraday. Vediamo in dettaglio, con qualche esempio, l’ oops rialzista e l’ oops ribassista di Larry Williams.

Oops rialzista

Il presupposto principale dell’ oops rialzista (che ha implicazioni rialziste) è che un titolo apra in forte gap down. Si andrà a comprare qualche tick sopra il minimo del giorno precedente. Un pò più problematica risulta la gestione dell’operazione. Se si è in buon utile si vende all’apertura del giorno seguente. Si fissa uno stop loss che dipende dal rischio soggettivo di ogni persona.

oops rialzista su unicredit

Un esempio di oops rialzista: Unicredit apre a 1,003 in gap down (punto nr. 1). Scatta il segnale d’acquisto a 1,042 (punto nr. 2) e vendiamo anche nella stessa giornata a 1,125 (punto nr. 3) con un guadagno dell’ 8 % circa in poche ore (non male). Da manuale bisognava aspettare l’apertura della giornata seguente ma un guadagno dell’ 8 % è troppo appetitoso.

Oops ribassista

Al contrario dell’ oops rialzista, nell’ oops ribassista è che un titolo apra in forte gap up. Si andrà a comprare qualche tick sotto il massimo del giorno precedente. Per lo stop loss è valido il discorso dell’ oops rialzista. Se si è in buon utile si vende all’apertura del giorno seguente.

oops ribassista su Unicredit

Un esempio di Oops ribassista: Unicredit apre a 1,418 (punto nr. 1) e il segnale di vendita allo scoperto scatta al prezzo segnale di 1,379 (punto nr.2) e l’acquisto per ricopertura viene effettuata all’apertura del giorno seguente a 1,269 (punto nr. 3). L’operazione si conclude con un guadagno del 8,60 %.

Una precisazione: gli oops di Larry Williams vanno utilzzati sui titoli più liquidi e non sulle Mid e Small Caps che presentano frequente e per loro natura gap up e down.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi