Positivo effetto dell’accordo UE su tutte le Borse

.

Dopo le ultime difficili settimane legate ai timori sul futuro dell’Europa, sia dal punto di vista della tenuta dell’euro nel trading forex online che da quello prettamente politico, finalmente le Borse virano al rialzo grazie all’accordo raggiunto dai leader europei in occasione del vertice di Bruxelles di ieri.

Le negoziazioni per trovare una soluzione alla crisi del debito ellenico si sono protratte per tutta la notte e solo alle prime luci dell’alba è stato raggiunto un accordo sulla riduzione del 50% del valore del debito greco in mano agli investitori privati. Nicolas Sarkozy si è dichiarato soddisfatto del risultato e del fatto che l’accordo non faccia troppa pressione sugli intestatari di bond greci; il presidente francese ha inoltre sottolineato come la Francia si sia sempre schierata a favore della Grecia per evitare di trascinare l’Europa in una situazione simile a quella del 2008 quando è fallita Lehman Brothers; anche Angela Merkel si è dichiarata “molto soddisfatta” dell’ esito del vertice.

Non appena il summit si è concluso (attorno alle 4am a Bruxelles), l’euro ha iniziato una corsa al rialzo nei confronti del dollaro sia nel trading forex e nelle prime negoziazioni delle borse asiatiche.

Tale effetto si è poi esteso su tutte le Borse europee e a livello globale. A supportare tale clima di ottimismo si sono aggiunte anche delle ottime trimestrali e i listini vedono un +5% ad Atene e Milano, seguite da un +4% per Parigi e Francoforte, un +3% a Madrid un +2,4% a Londra. A Piazza Affari si è assistito alla discesa dello spread BTp-Bund sino a quota 360 e in generale volano le quotazioni delle banche grazie al programma di ricapitalizzazione approvato, più leggero del previsto.

Nel paniere azionario italiano troviamo Eni in testa con un +3% a dimostrazione dei brillanti conti trimestrali, il gruppo energetico sfoggia infatti un utile netto pari a 5,43 miliardi (ovvero un +5,1% rispetto all’anno scorso). L’amministratore delegato Paolo Scaroni ha commentato gli eccellenti risultati del gruppo dicendosi particolarmente soddisfatto del veloce riavvio della produzione in Libia e della riapertura del GreenStream. La produzione di Eni è stata inoltre rafforzata dal via di un upstream in Siberia e di una nuova scoperta di idrocarburi in Mozambico.

Al momento sembrano quindi esserci buone opportunità d’investimento in mercati quali forex, commodities e ovviamente azionario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi