Psicologia del trading

.

Possiamo affermare che il successo del trader lo fa per il 50 % la tecnica e per il 50 % l’atteggiamento mentale.
Infatti fuori discussione è il fatto che il trader deve ben formarsi prima di operare in Borsa ed investire i propri risparmi: in molti post del nostro Blog infatti ne abbiamo molto parlato con la spiegazione di grafici, l’ analisi tecnica ,l’inserimento di news e l’utilizzo di particolari indicatori.

Meno noto è invece che il trader vincente si distingue per un determinato approccio psicologico. In questo post vorrei indicarvi alcuni momenti essenziali per la determinazione del guadagno in Borsa:

  • Chi si avvicina al trading con la paura di perdere, con buona probabilità perderà! Ciò non significa che possiamo dominare il mercato (cosa assolutamente impossibile), ma operare con la paura di perdere significa avvicinarsi con uno stato emotivo negativo che sicuramente condizionerà nella stessa misura la nostra operatività;
  • Il corollario di cui sopra è strettamente correlato con quello che recita che dover vincere ed operare ad ogni costo conduce sicuramente alla perdita. Il trader vincente non ha mai fretta. Aspetta le occasioni giuste. Non investe mai completamente il proprio capitale a disposizione. Sa che la Borsa è aperta tutto l’anno e vi saranno sempre occasioni giuste. E’ meglio non guadagnare che perdere;
  • Al trader perdente più che guadagnare interessa dimostrare di esser più bravo degli altri oppure indicare a conoscenti ed amici di operare in Borsa magari anche palesando fantomatiche vincite;
  • Come distinguere un trader vincente da uno perdente: il primo parlerà agli altri mettendo l’accento sulle perdite in borsa che hanno segnato la sua attività, mentre il primo parlerà solo delle grandi vincite! 
  • Come sapere se la quantità delle azioni ed il controvalore che stiamo comprando o vendendo sono adatte alla nostra operatività? Semplice, ascolta te stesso. Se sei emozionato ed hai paura quando stai per premere il tasto sell o buy questo non è sicuramente la taglia giusta per te. Prova a diminuire l’importo sino a quando troverai quello che ti permetterà di operare in totale tranquillità e di non fare gli errori sopra descritti

Mi piacerebbe discutere un pò con voi in relazione a quanto sopra postato! Vi aspetto nei commenti!

la psicologia influenza il trading

Un pensiero su “Psicologia del trading

  1. “Chi si avvicina al trading con la paura di perdere…”

    …di solito utilizza lo “stop loss” ma non prevede il “take profit” nella propria strategia… inevitabilmente, una metodologia d’investimento siffatta, non può portare che all’uscita del trade in perenne… “stop loss”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi