SUPPORTI E RESISTENZE

.

Una volta assimilato il concetto di trend dei mercati finanziari, spiegato ieri, ed avendo compreso che i prezzi si muovono con una serie di massimi e minimi, la cui direzione determina l’orientamento del mercato, è necessario dare a questi massimi e minimi un nome appropriato e allo stesso tempo introdurre un nuovo argomento: i supporti e le resistenze.

Il supporto sta ad indicare un punto di minimo nel quale l’interesse dei compratori è sufficientemente forte da superare quella dei venditori, divenendo, di conseguenza, un punto di rimbalzo, grazie al quale vi è un rallentamento del ribasso, che permette ai prezzi di risalire. Mentre la resistenza, al contrario, rappresenta un livello di prezzo, solitamente coincidente con un precedente massimo, in cui la pressione di vendita supera l’interesse dei compratori, che funge da barriera alla continuazione del rialzo, aprendo una fase di correzione, se non una vera e propria inversione del trend. E’ da evidenziare come in un trend rialzista i livelli di resistenza indichino solamente una pausa del movimento e solitamente vengono superati poi nello stesso punto, così come i livelli di supporto in un trend ribassista non siano sufficientemente forti da fermare permanentemente la discesa, ma siano solo una correzione temporanea.

Uno degli aspetti più importanti del concetto di supporto e resistenza è il fatto che essi possano invertire i rispettivi ruoli quando tali livelli vengono violati o rotti permanentemente. Infatti, per far si che un trend rialzista continui, è necessario che venga confermato sia dalla rottura della resistenza (indicata dal precedente massimo) che dall’integrità, sempre di tale livello, che però si trasforma in un supporto. Capovolgendo il ragionamento si possono trovare i segnali che portano alla conferma del trend ribassista, ovvero la necessità che il supporto si trasformi in una resistenza che funga da barriera al rialzo.

Nel caso in cui il livello di resistenza (in un trend rialzista), oppure di supporto (in un trend ribassista), vengano testati ma non vi sia la forza necessaria al loro superamento, costituiscono la prima indicazione che il trend in essere stia per essere al suo apice. Vedremo nei prossimi giorni come questi livelli possano determinare alcune figure sui grafici che anticipano un inversione del trend o semplicemente una pausa del movimento in corso.

Per concludere vorrei precisare come questa descritta sia puramente teoria. Nella realtà potrebbero crearsi situazioni che portano a delle false rotture di questi livelli. Per questo è consigliabile utilizzare dei criteri di penetrazione (dei filtri), scelti in base all’orizzonte temporale utilizzato da ciascun operatore.

Nell’immagine sottostante si può vedere: nella Fig.1 un trend rialzista e nella Fig.2 un trend ribassista, con i vari livelli di supporto/resistenza; nella Fig.3 inversione di ruolo di una resistenza in supporto; e nella Fig.4 un esempio di inversione del trend rialzista, provocato dalla mancanza di forza necessaria alla perforazione della resistenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi