Tutti i tipi di grafici di Borsa

.

Cari amici lettori,
continuiamo con un altro post relativo all’analisi tecnica per operare correttamente facendo finanza.
In particolare, in questo post, ci soffermeremo sui vari tipi di grafici che possiamo selezionare ed utilizzare per meglio leggere i grafici di Borsa.
I tipi di grafici di Borsa sono molti, ad esempio possiamo trovare il grafico Lineare, il grafico di Borsa Candlestick, il grafico di Borsa Candlevolume, il grafico a barre, il grafico di Borsa Tree line break, il grafico Kagi, il grafico di Borsa Renko, il grafico di Borsa Point and Figure, il grafico Equivolume e molti altri ancora.
Tutti i grafici sopra indicati hanno delle loro peculiarità che li rendono unici. Molti trader (compresi il sottoscritto) utilizzano più grafici per trarre i segnali di trading ed avere le conferme su più fronti.
I grafici più importanti e basilari sono quelli che vengono disegnati mediante l’utilizzo delle tecnica lineare, delle barre e delle Candlestick.
tutti i tipi di grafici

Grafico lineare: è quello più semplice e di più veloce ed immediata comprensione. Il grafico linea unisce con una retta i prezzi di chiusura delle singole giornate di contrattazione in Borsa. Che informazioni ci fornisce la lettura di questo grafico? Solo ed esclusivamente il prezzo di chiusura non dandoci notizie sull’escursioni di prezzo durante la giornate e sulla forza dei venditori e compratori. Quindi al vantaggio della semplice lettura unisce lo svantaggio delle poche informazioni che fornisce.

Grafico a barre: è composto da singole linee verticali (che indicano prezzo massimo e prezzo minimo della giornata di contrattazione) con delle piccole linee orizzontali (la piccola linea orizzontali sinistra indica il prezzo di apertura mentre la piccola linea orizzontale a destra indica il prezzo di chiusura). Questo semplice ma importante grafico, ci fornisce quindi molte informazioni in più rispetto al grafico lineare: valore massimo, valore minimo, prezzo di apertura e di chiusura.

Grafico Candlestick: è composto da barre di due colori (solitamente verdi e rosse, oppure bianche e nere) a seconda che la quotazione di chiusura sia superiore a quella di apertura oppure inferiore. Da informazioni quindi relative al valore massimo, valore minimi, prezzo di apertura e di chiusura. Rispetto al grafico a barre suggerisce inoltre la forza dei venditori e degli acquirenti ed indica di pattern peculiari proprio di questo tipo di grafico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi